A Dallas (Texas, USA) in questi giorni si sta svolgendo lo Storage Networking World, la massima manifestazione mondiale dedicata allo Storage (con la S maiuscola).

Bene, quale migliore vetrina per fare annunci?

La prima cosa, che aspettavo da tanto, è l’annuncio di HDS sulla nuova linea di modulari.

Come al solito HDS ha fatto un lavoro egregio dal punto di vista Hardware e, oserei dire, innovativo se non addirittura coraggioso: nuovi controller Active/Active e backend SAS le caratteristiche principali. La scelta di avere il backend SAS è coraggiosa (e anche pericolosa perchè diversa da tutti gli altri) ma può dare grandi performance a costo contenuto… e soprattutto i cassetti ospitano contemporaneamente dischi SAS e SATA (l’interfaccia è la medesima) sono convinto che, in futuro, altri seguiranno questa strada.

i primi dati pubblicati da HDS mostrano un throughput sul backend impressionante (9600 Gbit/sec!!!) ed anche i controller A/A dovrebbero dare degli indubbi benefici.

Cosa Manca? Manca il Thin Provisioning (arriverà a metà dell’anno prossimo) e supporto SSD (forse anche quello l’anno prossimo…. con un backend così le performance saranno sicuramente valide sarebbe un peccato non metterli).

Hu Yoshida (CTO di HDS), sul suo blog, ha fatto una introduzione abbastanza chiara del prodotto con link interessanti in fondo al suo post.

Ovviamente EMC ne parla male 😉 ma mi stupirei del contrario… in fondo ho notato che quando Chuck Hollis parla male di qualcuno nel suo blog c’e’ sempre del buono e vale la pena indagare…. 😎

Che altre novità abbiamo oggi?

Compellent ha presentato due nuove funzionalità: SSD integrato nella DataProgression e LiveVolume!

SSD è una bomba perchè integrata con il resto del sistema che ormai conosciamo benissimo (DataProgression) ed è una vera manna dal cielo per chi ha bisogno di performace… con pochi dischi SSD si potranno ottenere grandi numeri!!!! (ho letto questo interessante post di Stephen Foskett che spiega, meglio di come farei io, il vantaggio di SSD su Compellent!)

Live Volume è una cosa nuova, forse troppo nuova, ed è un po’ da capire… diciamo che è utile se ci sono di mezzo cluster geografici… ne parlerò più avanti in dettaglio. (è una funzionalità di fascia abbastanza alta e non so quanti la useranno…)

Sempre da Compellent stanno per essere inclusi i cassetti SAS (24 HD da 2,5″? ho visto questo tipo di cassetto sul sito della Xyratex ) ed anche iSCSI a 10Gbit e FCoE (l’avevo detto, 😎 )

di più questa sera non ho da aggiungere… a presto.

Update: ho letto questo ottimo post di Chris M Evans sul paragone che fa fra Compellent e EMC riguardo all’implementazione degli SSD (meditate gente, meditate)