Questo post, nella versione inglese, ha generato una bella discussione con The Storage Anarchy, un blogger di EMC.

Verso la fine dell’anno EMC rilascerà FAST (fully automated storage tiering) per il V-Max (non è completamente chiaro se e quando sarà disponibile per gli altri modelli, ma c’è una discussione aperta anche su questo).

FAST è appunto una implementazione di quello che viene comunemente detto “Automated Tiered Storage”, questa funzionalità è stata implementata da Compellent anni fa con il nome di Data Pogression ed è uno dei tanti fattori di successo di questo vendor. L’automated tiered storage permette di muovere blocchi di dati da dischi più veloci e costosi a dischi più lenti ma economici, e viceversa, in funzione di quanto vengono acceduti e in modo assolutamente trasparente agli host. (qui un video che ne spiega bene il funzionamento).

Ho letto diversi articoli e post sull’argomento FAST (qui, qui e qui) e vorrei riassumere tutti i miei dubbi:

  1. FAST Versione 1 (disponibile a dicembre) lavorerà solo a livello di LUN, FAST V. 2 (a metà 2010) lavorerà (finalmente) a livello SubLUN.
  2. FAST V1 sarà incompatibile con il Virtual Provisioning.
  3. FAST sarà rilasciato per il V-MAX… e gli altri? (soprattutto il DMX)
  4. FAST sarà rilasciato sui CX in futuro… ma quale generazione? il CX4 o il CX5?
  5. Supporto di backend SAS in futuro (significa comprare un nuovo CX!!!)

bene, le cose da dire sono diverse… 😉

FAST V1 lavorerà solo a livello di LUN e V2 anche di subLUN.Si, avete capito bene! FAST v1 sarà implementato a livello di LUN, questo significa che FAST muoverà intere LUN da tier più veloci a tier più lenti! Uhm! Lo hanno già fatto altri in passato: si chiamava “Automated volume migration” con risultati poco entusiasmanti… infatti ora la best practice di quel prodotto non è più “automatizzare” ma “consigliare” la movimentazione per non impattare troppo sulle performance dell’array! Poi arriverà la V2, che finalmente funzionerà con pagine di dati più piccole (768K), ovviamente ci sarà da capire se la movimentazione potrà essere fatta non solo fra tipi diversi di dischi ma anche tipi diversi di RAID per ottimizzare al meglio l’uso di spazio e performance del sistema. Inoltre sarà importante capire se sarà possibile cambiare a caldo le impostazioni del comportamento delle LUN per migliorare la qualità della risposta del sistema. (ovviamente tutte queste cose Compellent le fa già egregiamente e con una interfaccia grafica semplice da usare 🙂 ).
La facilità d’uso è un fattore determinante per il TCO!


FAST V1 sarà incompatibile con il Virtual Provisioning.Questa non è sicuramente una novità… ogni volta che EMC rilascia una nuova funzionalità aggiunge anche una serie di limitazioni che ne impediscono l’uso con altre! EMC “regala” il Thin Provisioning e quindi sarà compito dell’utente decidere se avere un sistema efficiente dal punto di vista dello spazio usato o efficiente dal punto di vista dell’automazione del tiering… ma non entrambi contemporaneamene!E poi sarà da capire bene se e quali altre limitazioni ci potrebbero essere su snapshot, repliche, clonazioni. Purtroppo solo il tempo lo dirà.
Il mio pensiero corre anche alla migrazione che l’utente EMC dovrà affrontare da V1 a V2+thin: sarà automatica? oppure sarà, come al solito, un bagno di sangue per riconfigurazioni, fermi e costi?Ogni costrizione è un limite! più limiti significano più lavoro umano e più lavoro umano significano maggior TCO!
Alune precisazioni sull’hardware.Sembra che FAST sarà rilasciato solo per il V-MAX (anche se poi Barry mi ha smentito…. ma lo ha fatto solo lui, tutta la documentazione che ho trovato su internet e i post dei blogger/giornalisti dicono il contrario, quindi il dubbio rimane)… comunque non ‘è problema se un utente EMC possiede un DMX è sufficiente fare l’upgrade a un V-MAX! cosa vuoi che costi mai???? ;-)Poi c’è la question Clariion: su quale generazione di CX sarà supportato FAST? il CX-3 no sicuro, il CX-4 forse ma più probabile la prossima generazione, il CX-5 (o come si chiamerà). Il che significa aggiornare lo storage e quindi spendere dei soldi per ottenere nuove features.
Poi c’è la questione del SAS, alcuni vendor (fra i quali Compellent), propongono già oggi il SAS come opzione al backend FC. Cosa significa questo per un cliente EMC? significa cambiare hardware! già perchè le macchine attuali non lo prevedono, quindi c’è poco da fare… Essere costretti a comprare nuovi sistemi significa spendere soldi due volte! la prima per comprarlo la seconda per migrare (altro TCO!!!)
Quindi posso riassumere così: Compellent 3 – EMC 0 nella partita per l'”automaed tiered storage”!EMC aggiunge FAST alla sua offerta ma la V1 avrà un sacco di limitazioni mentre la V2 arriverà solo nella seconda metà del 2010 (probabilmente con meno limitazioni). Compellent propone Data Progression da anni senza, è ben implementata, facile da usare e soprattutto senza limitazioni di sorta!
EMC preferisce che i clienti comprino nuovo hardware (V-MAX e probabilemente la prossima generazione di CX) invece di implementare FAST su tutti i modelli esistenti. Compellent permette di aggiungere ogni funzionalità su ogni generazione dei suoi controller senza mai dover cambiare hardware.
EMC pianifica un passaggio a SAS per il backend nel futuro… Compellent, già oggi, può mixare e far convivere SAS, SATA, FC e SSD senza la necessità di costosi upgrade!
ovviamente ogni commento è ben accetto!ES