Do more with less

Il messaggio è chiaro: fare di più con meno.

E’ quanto sento ogni giorno dai clienti, la contrazione dei budget IT ha portato tutti a rivedere il modo di spendere e di utilizzare meglio ciò che si ha in casa. Le cose stanno cambiando e la crisi ci sta aiutando ad avere un atteggiamento più responsabile e a valutare meglio come risparmiare il più possibile mantenendo standard elevati o, in alcuni casi, migliorarli.

Cinetica ha sempre proposto soluzioni concrete attraverso analisi approfondite e realizzando soluzioni con il miglior rapporto prezzo/prestazioni. Dove per prezzo non si intende solo il valore di acquisto ma è anche il costo di gestione. Una volta, in molti, guardavano solo al TCA (Total Cost of Acquisition), ma ora, finalmente, i clienti stanno capendo che il TCA va sempre affiancato al TCO (Total Cost of Ownership).

Da quando siamo nati, nel 1996, abbiamo fatto scelte tecnologiche su prodotti innovativi e all’avanguardia senza preoccuparci tanto di aver scartato prodotti più facili da vendere perch√© hanno un marchio più consolidato o una base installata importante. Le nostre scelte sono sempre derivate dalla qualità, utilizzabilità, capacità di integrazione, facilità di implementazione e gestione, semplicità d’uso e via così….

Ora che le cose stanno cambiano sono contento delle scelte che abbiamo fatto nel passato, anche recente, e di come le stiamo portando avanti!

Sun, HDS, VMware, Compellent, DataDomain, Riverbed (e adesso stiamo pensando a Xsigo) hanno soluzioni che possono vantare dei TCO ottimi ma soprattutto dei ritorni di investimento molto rapidi e visibili da subito!

Qualche volta abbiamo fatto fatica a far capire il perchè di certe scelte ma ora i clienti valutano diversamente il TCA e il TCO e hanno capito il valore di soluzioni che risolvono i problemi invece che crearne di nuovi!

Valutare il TCO?

Fare una valutazione del TCO non è facile anche perch√©, in alcuni casi, è complicato valorizzare aspetti del lavoro che si andrà a fare.

Il TCO è composto di costi oggettivi e di costi “soggettivi”

I costi oggettivi sono facili da individuare e da dimostrare perch√© sono legati all’infrastruttura e sono, spesso, già noti:

  • il consumo di energia elettrica: oggi è uno degli aspetti più sentiti che, fra l’altro si porta dietro anche il discorso della climatizzazione;
  • lo spazio: è un problema non da poco… soprattutto nei grossi datacenter;
  • costi di manutenzione;
  • ….

I costi “soggettivi” sono più complicati da trovare e sono quelli più insidiosi.. soprattutto in aziende piccole perch√© sono legati al costo delle risorse umane:

  • chi fà cosa e per quanto tempo: amministrazione dello storage, dei sistemi, del network,della sicurezza!
  • consulenti: soluzioni complicate = consulenze costose;
  • costi derivati da fermi pianificati e non pianificati: quanto costano 4 ore di fermo durante la settimana?
  • costi per migrazioni, riconfigurazioni, ecc.
  • costi della formazione;
  • …..

Spesso, i clienti, non riescono a valutare il costo delle persone che lavorano all’interno dell’azienda e hanno difficoltà a capire di quanta consulenza avranno bisogno per portare avanti i progetti ed anche che queste, spesso poche, risorse possono diventare il collo di bottiglia per tutta una serie di attività… soprattutto se troppo stressate!!!

In ogni caso già i costi oggettivi hanno un peso importante che non è da sottovalutare anche se quelli soggettivi sono sicuramente i più rilevanti nel tempo: quanto costa assumere un sistemista senior perch√© quelli che ci sono non riescono più a star dietro alla mole di lavoro? magari complicata dall’ultima acquisizione di hardware? Magari hardware economico ma difficile da gestire!

Per abbattere i costi, soprattutto quelli oggettivi, ci sono diverse strade alcune delle quali si possono percorrere con poca difficoltà e direttamente nell’ambito strettamente IT:

  • razionalizzare
  • consolidare
  • virtualizzare

sono tutte e tre da percorre in parallelo e senza indugi, è necessario fare un un assessment preciso di quello che si ha, di come lo si usa e di come si potrebbe usarlo… non sono rari i casi in cui, dopo una analisi del genere, ci si ritrova in mano molto di più di quanto ci si aspettasse!

E

Ti piace questo articolo?

Share on linkedin
Share on Linkdin
Share on twitter
Share on Twitter
Share on facebook
Share on Facebook
Share on whatsapp
WhatsApp

Lascia un commento

Privacy Settings
We use cookies to enhance your experience while using our website. If you are using our Services via a browser you can restrict, block or remove cookies through your web browser settings. We also use content and scripts from third parties that may use tracking technologies. You can selectively provide your consent below to allow such third party embeds. For complete information about the cookies we use, data we collect and how we process them, please check our Privacy Policy