Tablet Computing: il vero mobile computing

Gli analisti iniziano ad avere dei dubbi che i Netbook (piccoli portatili poco potenti ma economici: sufficienti per navigare su internet, leggere posta e “usare” office) avranno una vita lunga. In effetti sono oggetti abbastanza limitati per i quali non esistono software specifici ma bisogna adattarsi ed usarne altri progettati per monitor grandi e potenze di calcolo superiori (avete mai usato l’ultima versione di word su un monitor da 10″ ??? ).

A quanto sopra si aggiunge che, alla fine di gennaio (voci dicono il 27), Apple presenterà il suo Tablet e che anche Google sta lavorando con HTC ad un Tablet basato su ChromeOS.

Ma cosa avranno questi oggetti che non hanno i netbook?

Prima di tutto, come già detto, software sviluppati ad hoc! questo permetterà di avere applicazioni che sfruttano le reali capacità di questi oggetti portando una fruibilità di dati e applicazioni mai vista prima (un esempio di quanto dico si trova già, in miniatura, con l’iPhone).

Il tablet sarà uno strumento nuovo e innovativo: interfaccia touch molto intuitiva, semplicità d’uso straordinaria, ottima connettività, batterie di lunga durata, ottimo audio e qualità grafica, grande trasportabilità (più sottili di un netbook), possibilità di essere usato come lettore di e-book. Questi aspetti oltre che far piacere agli utenti abituali avvicineranno anche utenti nuovi che fino ad oggi hanno avuto difficoltà ad usare i computer tradizionali!

Gli early adopters (io sarò uno di quelli, 😉 ) saranno sicuramente di tipo consumer e se ne farà un uso molto ludico ma entro poco tempo saranno disponibili applicazioni per gli usi professionali più disparati: dal supporto alle vendite (es.: Agenti di commercio) all’assistenza post-vendita (manuali, video e applicazioni per un tecnico che deve fare supporto on-site su un macchinario), commercio elettronico (cataloghi e configuratori quali IKEA o altri che abiliteranno l’acquisto online anche di piccoli beni e servizi!).

Insomma, una rivoluzione. Una di quelle visioni che si era un pò sfocata negli anni ma che finalmente si avvera.

Le applicazioni saranno facilmente rintracciabili, scaricabili e acquistabili (anche dal punto di vista economico) come non mai attraverso strumenti quali iTunes o Android Market!

Tutto questo nuovo ecosistema sarà ad appannaggio di pochi (probabilmente Apple e Google la faranno da padroni) ma c’è tanto, ma tanto, spazio per chi offrirà beni e servizi usufruibili attraverso questi oggetti e per chi svilupperà il software.

Lato aziendale non sarà tanto importante dotarsi di questi oggetti come client quanto invece sviluppare (o farsi sviluppare) applicazioni per proporre servizi e beni che i clienti possano acquisire comodamente da casa! Pochi giorni fa ho avuto modo di usare una applicazione per iPhone/iPod che permette di fare la spesa online, anche con consegna a domicilio, per i clienti di una grossa catena di supermercati svizzeri (sono rimasto colpito, molto bella e utile). La fantasia sarà l’unico limite per creare applicazioni e fornire servizi.

Se questo sarà il futuro allora anche le infrastrutture che sono dietro a queste applicazioni dovranno essere all’altezza: potenza di calcolo, storage e banda!

Siete pronti? o vi lascerete sfuggire questa opportunità?

ES

Ti piace questo articolo?

Share on linkedin
Share on Linkdin
Share on twitter
Share on Twitter
Share on facebook
Share on Facebook
Share on whatsapp
WhatsApp

Lascia un commento

Privacy Settings
We use cookies to enhance your experience while using our website. If you are using our Services via a browser you can restrict, block or remove cookies through your web browser settings. We also use content and scripts from third parties that may use tracking technologies. You can selectively provide your consent below to allow such third party embeds. For complete information about the cookies we use, data we collect and how we process them, please check our Privacy Policy